giovedì 24 maggio 2012

Castle in the Mist ミ☆

Capita nella vita di ogni videogiocatore la scoperta di un'ovvietà a cui sono arrivati già cento e passa prima di te.

Chissà come si è sentito quel bambino che ha scoperto, tutto da solo, l'esistenza dei flauti in Super Mario Bros. 3. Magari l'ha detto a tutti i suoi amici ed è stato l'eroe di tutta la scuola per qualche settimana.

Poi è arrivato internet e una notizia di 5 minuti prima può venire normalmente accolta con

OLD

OLD NEWS, FAGGOT

ON A RELATED NOTE I HEARD POLAND WAS ATTACKED BY THE THIRD REICH

hey guise whats goin on in this thread

In genere chi risponde così o è in un brutto periodo o è una grandissima testa di cazzo. Internet o non internet.
Slowpoke è sempre divertente, però.

Il punto è che nei giorni scorsi, tutta presa dallo studio di Storia dell'Arte (e grazie al cielo l'anno prossimo vado in ingegneria perché non voglio più vederla), mi sono imbattuta in questo quadro nel mio libro di scuola.
Giorgio De Chirico - Gioie ed enigmi di un'ora strana
Ora, io non capisco proprio l'arte. Amo la musica ma la maggior parte dell'arte visiva è per me un'enorme incognita.
Ma De Chirico.
De Chirico.
Non sono qui per parlare di quanto sono belli i suoi quadri. Per carità, dal poco che ho visto mi piace molto anche se ci capisco poco, ma quello che vorrei far notare è questo:
Copertina di ICO [PS2]
La prima cosa a cui ho pensato è stata MA IO TI HO GIÀ VISTO.
Ma tu sei ICO.

Ed infatti poi sono andata ad informarmi ed effettivamente , non solo la copertina ma tutta l'ambientazione di ICO (e Shadow of the Colossus) è ispirata ai quadri di De Chirico e ai principi della Metafisica.

E questo sì che ha reso lo studio più piacevole.

Ora, se solo avessi anche il tempo di giocarci sarebbe magnifico ma sembra che tutto il corpo docenti me lo voglia impedire.


4 commenti:

  1. Certe volte l'arte ci sorprende con cose intelligenti. Certe volte lascia perplessi. Ad esempio mi chiedo come l'immagine di una zuppa di pomodoro possa essere famosissima e ricca di significato. O anche una manciata di puntini e linee.
    Poi scopri dei legami con i videogames e capisci che non è tutto malvagio quando si parla di "quadri" e "ambientazioni".
    L'arte, e parlo di quella visiva, è tutto un mistero anche per me :O

    RispondiElimina
  2. Prima di scrollare ho urlato 'ICO, ICO, ICO'. Ok, non ho proprio urlato. Ma nel mio cervello sì. Dio, che figata anomala.
    PS: giocagi AH NO HAI GLI ESAMI QUEST'ANNO, LOL

    RispondiElimina
  3. L'arte è bellissima. È come la spiegano a scuola che fa cagare.

    RispondiElimina